CICLISMO – GIRO D’ITALIA – 19a Tappa – Vesuvio, l’ora della verità…
CALCIO -  Inter-Samp: si tratta per CassanoPrecedente
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNO 29/5Prossimo
Breaking News

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

CICLISMO – GIRO D’ITALIA – 19a Tappa – Vesuvio, l’ora della verità…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo
CICLISMO – GIRO D’ITALIA – 19a Tappa – Vesuvio, l’ora della verità…

logo-giro.jpgLa 19a tappa, in programma sul tracciato che collega Avellino alla vetta del Vesuvio (164 i km da percorrere), è considerata l’ultima in grado di rivoluzionare la classifica generale. Si tratta di una tappa abbastanza impegnativa, sia dal punto vista altimetrico sia sul piano della planimetria. Dopo la partenza, i corridori transiteranno da Salerno, poi saliranno leggermente verso Cava dé Tirreni, attraverso il valico di Costapiana, quindi la strada scenderà verso Vietri sul Mare e porterà la corsa verso la penisola sorrentina: si tratta di un tracciato impegnativo, con tantissime curve, saliscendi, gallerie e restringimenti di carreggiata. Il rifornimento è situato a Positano, fra i km 89 e 92; il primo Gran premio della montagna sul Picco Sant’Angelo (3/a categoria), dopo 101 km di corsa. Il traguardo volante sarà a Sorrento, dopo 112,6 km. Dopo un breve tratto pianeggiante sulla costa, la strada comincerà a salire verso il Vesuvio. L’ascesa finale partirà dall’abitato di Ercolano, poi la corsa passerà da località San Vito, per giungere al bivio dell’osservatorio vesuviano, dove la strada toccherà pendenze elevate. La lunghezza della salita verso il vulcano (967 metri) è di 13 km, la pendenza media del 7,4 per cento, quella massima del 12. Sul Vesuvio, all’arrivo, è posto il secondo Gran premio della montagna di giornata. Il ritrovo di partenza ad Avellino é fissato in piazza Garibaldi, alle 11,30; dopo il consueto incolonnamento cittadino, la partenza verrà data alle 13,05, dall’ex Statale 88. L’arrivo è previsto fra le 17 e le 17,30, poco oltre l’osservatorio geofisico vesuviano. Il vulcano campano è già stato palcoscenico del Giro: nel 1956, Charly Gaul vinse la cronoscalata di 8 km, precedendo di 37″ il toscano Guido Boni e di 39″ Miguel Poblet. Nel 1990, con l’arrivo della semitappa mattutina partita da Sala Consilina, vinse lo spagnolo Eduardo Chozas (davanti a Bugno, che poi avrebbe vinto la maglia rosa), ma ad una quota più bassa rispetto a quella della tappa con il Vesuvio.

Il nostro pronostico è sul duo Basso (8.00) – Armstrong (25.00).

Fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti