pronostici champions league, scommesse champions league, quarti andata champions league, quarti champions league, quarti, pronostici inter cska mosca, inter cska mosca, inter cska, pronostici arsenal barcelona, arsenal barcelona, probabili formazioni inter cska mosca arsenal barcelona, messi fabregas, henry arsenal, ibra, etoìo, caso balotelli, mourinho, honda
CALCIO - LE SINGOLE DEL GIORNO 31/3Precedente
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNO 31/3Prossimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – CHAMPIONS LEAGUE – Andata Quarti di Finale – Inter senza Balotelli contro il ‘fortino’ CSKA, Arsenal ospita il Barca e si aggrappa all’Emirates sperando in Fabregas…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

Inter-Cska Mosca – il ns. prono 1 (1.38) – 1h (2.00)

Silenzioso in campionato, il tecnico nerazzurro torna dunque a parlare in Europa visti gli obblighi contrattuali di Champions. “Il silenzio mi fa bene perché vado in panchina. Questo per me è importante. Un allenatore in panchina non vince ma io voglio stare più possibile vicino alla squadra. Non voglio rischiare“. La conferenza in realtà si era aperta con il regalo (un cappellino) di un giornalista russo che poi ha stuzzicato il tecnico nerazzurro, apparso annoiato durante la sua visita a Mosca per osservare il CSKA: “Ringrazio per il regalo, non mi aspetto altri regali dal Cska. Io non dormo quando lavoro. Facevo freddo, qualcuno ha bevuto troppa vodka e ha pensato che dormissi. Ho dormito solo in aereo“.. Tornando alla gara, Mou ha analizzato le difficoltà del match e del fatto che si giocheranno andata e ritorni in soli 7 giorni: “L’ho detto anche prima del Chelsea: non si può mai dire dopo la prima partita se il risultato è stato buono o no. Negli ottavi l’unica eliminazione decisa nella prima gara è stata per il Milan contro il Manchester. Guardando gli altri risultati era difficile dire chi sarebbe passato. Domani è la stessa storia: non posso dire quale risultato cerchiamo per andare in semifinale. Non penso che una delle due possa uscire da San Siro dicendo di avere già un piede avanti. Giocare in una settimana? Positivo o negativo per entrambe ma a me piace di più avere i tradizionali 15 giorni. L’Inter sta facendo grande Champions, Abbiamo giocato otto gare, quattro con due delle migliori squadre del mondo. Abbiamo perso una gara a Barcellona, abbiamo fatto cose importanti, col Chelsea siamo stati fantastici. Ha vinto a Kiev e in casa contro il Rubin sotto pressione. Stiamo giocando una bella Champions. Vogliamo arrivare in semifinale. Lo stesso vuole fare il Cska. E’ sicuramente la miglior Champions negli ultimi anni e faremo di tutto per arrivare in semifinale. Grande San Siro contro il Chelsea ed è quello che mi aspetto”.. Sulla squadra russa, Mourinho ha speso parole di elogio…. ma non solo parlando di una “Zona grigia” alludendo al fallito controllo antidoping di Aleksei Berezutski e Sergei Ignashevich dopo la sfida col Manchester. I due difensori furono infatti trovati positivi a uno stimolante: il club li squalificò e li multò: “Due giocatori vengono trovati positivi a una sostanza non permessa nella competizione c’è qualcosa di grigio. Il Cska mi ha impressionato nella partita di Manchester per quanto correva: non pareva a fine stagione. Ora è all’inizio, ma per il modo come gioca non ha tanto bisogno di corsa. Dà la palla all’avversario, occupa gli spazi, ha giocatori alti che difendono bene, poi ha tre giocatori veloci, due sulle fasce, Karsic e Gonzalez, che provano sempre il contropiede ma sanno rientrare. Honda? E’ un giocatore di qualità che come tutti i giapponesi sono giocatori di squadra. Capiscono che il calcio è uno sport collettivo. Loro segnano in tutte le gare in trasferta perché giocano questo calcio molto difficile da contrastare. Una squadra che arriva fin qui, che ha il 70 per cento della nazionale russa e che non ha cambiato molto dal 2005, non può essere sfavorita. Credo che sarà una doppia sfida aperta”. Se Mourinho non ha parlato, ci ha pensato Samuel Eto’o a spiegare la posizione della squadra nei confronti di SuperMario: Bisogna capire che in questo momento il gruppo è al di sopra di ogni singolo giocatore. Mario è uno dei giocatori, ha 19 anni. Io lo apprezzo, e così gli altri compagni, ma lui sa che cosa deve fare se vuole rientrare nel gruppo. Non mi mancherà perché ci sono altri giocatori. Io gli ho parlato di nuovo ieri, e quello che ci diciamo non lo devo dire qui ora. Nello spogliatoio ci sono giocatori come Zanetti, Materazzi e Toldo che hanno anni e esperienza, e lui dovrebbe ascoltare i giocatori più esperti. Ma ora bisogna chiudere questa polemica. Lui è importante, ma non si può parlare di Mario tutti i giorni“. Sulla sfida con i russi, il camerunense pone l’accento sulla grande vittoria di Londra: “Passare ai quarti è stato psicologicamente importante. La partita di mercoledì non sarà facile, forse persino più difficile di quella di Londra. Ma spero che potremo portarci avanti nel risultato, in modo da giocare una gara più aperta a Mosca: 2-0 il risultato ideale, ma anche 1-0 sarebbe buono”.

Arsenal-Barcelona – il ns. prono 1x (1.55) – x (3.20)

L’Arsenal imbattuto in casa sfida il Barcellona, che in trasferta non ha mai perso. Questa è solo una delle tantissime chiavi di lettura che caratterizzerà il match di mercoledì sera a Londra. Gli uomini di Arsene Wenger affronteranno i campioni d’Europa nella notte in cui Thierry Henry farà ritorno per la prima volta all’Emirates Stadium. Titi, il più grande marcatore della storia dei Gunners con 226 gol, torna a Londra dopo il suo addio nel 2007. Sarà dunque un match speciale per il francese “È la squadra del mio cuore – spiega Thierry Henry – E questa è la più bella occasione per me per tornare da loro. Sono molto emozionato, sarà una partita strana per me. Prima del sorteggio dissi che non volevo trovare l’Arsenal, ma ora che è successo dovremo dare il meglio per batterlo. Ho un rapporto speciale coi tifosi dell’Arsenal, loro sono incredibili e ti sostengono sempre. E adesso sono anche io un tifoso dell’Arsenal, li seguo sempre in televisione quando posso”. Henry ammette la forza dei Gunners: “E’ vero, sono giovani, ma sono anche molto competitivi. Sia noi che l’Arsenal vogliamo sempre tenere palla, è difficile prevedere cosa succederà. Dovremo essere al meglio, senza sosta, oppure potremmo perdere”. Wenger è pronto a dargli il benvenuto: “Sarà un gradito ospite come tutte le grandi persone che hanno fatto il successo di questo club. Ma quando la partita inizia, metteremo da parte la sua e la nostra storia”. Ma non è certo Henry il pericolo numero uno per i Gunners, che troveranno di fronte l’uomo del momento: Lionel Messi: “Si tratta di un grande giocatore – continua Wenger – Uno in grado di prendere palla a centrocampo e puntare la porta. Bisognerà mettere su di lui un gran difensore e non sbagliare niente. Ma quello che dobbiamo fare è far difendere il Barcellona. Noi dobbiamo andare all’attacco e costringerli ad arretrare”. Altri elogi alla pulce del Camp Nou arrivano dall’attaccante danese Nicklas Bendtner: “Per me Messi è il più grande calciatore al mondo ora come ora. Ha una visione di gioco fantastica e quello che riesce a fare tecnicamente è pazzesco. Le cose che fa con la palla, con quella velocità, sono incredibili”. Arsenal e Barcellona si sono già incontrate in occasione della finale di Champions del 2006. i Gunner hanno perso la prima occasione della loro storia perdendo 2-1 allo Stade de france con i gol di Belletti ed Eto’o. “È una buona ocacsione per noi per dimostrare di avere un livello di gioco uguale ai campioni in carica del Barcellona. Vincere significherebbe fare un passo importante. Chi vuol vincere la Champions League sa che di dover battere il Barcellona”..I campioni uscenti sono imbattuti in trasferta (un successo e tre pareggi) e l’ultima battuta d’arresto del Barça in trasferta risale alla semifinale di due anni fa contro il Manchester United. Guardiola invece dovrà fare a meno di Iniesta, fermo per una contrattura alla coscia che lo costringerà a dieci giorni di stop. Al suo posto giostrerà Busquets, con Xavi relegato a destra. Rischia di saltare la sfida anche un altro ex, il capitano dei Gunners Cesc Fàbregas che ha saltato l’allenamento odierno a causa di un dolore alla gamba. Nella sfida di sabato contro il Birmingham City Fabregas aveva rimediato una botta ma aveva tenuto duro giocando fino al 90’. Se non dovesser farcela è già pronto Denilson. A Londra è prevista pioggia, sperando che vinca il divertimento…

Sulle partite fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti

CALCIO-COPPE EUROPEE

Centrata la singola AIK – Dnipro!

Centrata la singola AIK – Dnipro!   0

Centrata la singola europea di ieri: grazie alla vittoria del Dnipro per 3-2 sul campo dell'Aik Stoccolma sono stati centrati entrambi i risultati proposti per la giocata singola: il 2, quotato [...]