pronostici inter bayern monaco, probabili formazioni inter bayern monaco, inter bayern monaco, 11 titolare inter bayern monaco
BASKET NBA - Boston Celtics-Orlando Magic (gara 3) e Phoenix Suns-Los Angeles Lakers (gara 3)Precedente
TENNIS-Roland Garros: sorteggiati i tabelloni principali...Ecco i nostri antepostProssimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – Finale CHAMPIONS LEAGUE – Inter-Bayern, ecco il confronto tra i singoli…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo
Sticky: CALCIO – Finale CHAMPIONS LEAGUE – Inter-Bayern, ecco il confronto tra i singoli…

Naturalmente le formazioni non sono ancora quelle ufficiali: noi le faremmo giocare così…

BUTT vs JULIO CESAR 2

Confronti impari, anche se non dobbiamo sottovalutare le doti del portiere bavarese: a 35 anni suonati si è imposto come portiere titolare, vincendo per la prima volta in carriera campionato e Coppa, guadagnandosi anche un posto in nazionale che gli mancava da sette anni. Julio Cesar  in questa stagione ha fatto vedere di essere “umano”, ma in mezzo ai pali continua a decidere le partite: chiedere informazioni a Leo Messi…

LAHM vs MAICON 2

Il Maicon visto quest’anno è altalenante, mentre la costanza di rendimento è il fiore all’occhiello di Lahm. Per quanto riguarda talento e spinta offensiva non c’è storia, vince il brasiliano; questa è una finale di Champions però, non servono gli eccessi, ma la misura. E magari qualche scorribanda delle sue.

VAN BUYTEN vs SAMUEL 2

Il Samuel visto all’opera da settembre a oggi è di gran lunga il migliore di sempre: la coppia centrale con Lucio è probabilmente ciò che di meglio il mondo può offrire in questo momento. Il buon Van Buyten dalla sua può portare una stazza fisica impressionante e tanta pericolosità sulle palle inattive: finora ha segnato 9 reti in stagione (una in Champions, contro il Maccabi), davvero niente male.

DEMICHELIS vs LUCIO 2

Il confronto tutto sudamericano tra l’argentino e il brasiliano pende tutto dalla parte del secondo: come il resto dei componenti della difesa, pezzo forte dell’Inter in questa stagione più che in altre. Lucio, soprattutto se “gasato” e in giornata di grazia può annullare chiunque (anche Messi, scusa Pulce), mentre Demichelis così come Van Buyten garantisce fisicità e poco altro.

BADSTUBER vs ZANETTI 2

Un vero e proprio scontro generazionale tra questi due: nel 1989, anno di nascita del giovane tedesco, Zanetti ne aveva già 16 e si preparava a mettere le basi di una carriera incredibile (in finale raggiungerà le 700 presenze nell’Inter). Il divario tecnico e tattico, oltre che di esperienza, è incommensurabile: Badstuber, come il capitano nerazzurro, può vantare doti invidiabili di polivalenza, che lo fanno rendere ottimamente anche da terzino, anche se preferibilmente gioca al centro, dietro o in mezzo al campo.

VAN BOMMEL vs CAMBIASSO X

Difficile onestamente premiare l’uno o l’altro giocatore in questo preciso momento: il capitano bavarese (primo straniero nella storia del Bayern) mai come oggi sembra avere in mano le redini della sua squadra; dall’altra parte, l’argentino non ha vissuto la sua migliore stagione di sempre, anche se ha saputo interpretare con maestria il ruolo cucitogli addosso da Mourinho. Le motivazioni poi saranno a mille: per Cambiasso sarà infatti l’ultima gara prima di un’estate senza Mondiale, ringraziando Diego.

SCHWEINSTEIGER vs STANKOVIC 1

Uno dei pochi, forse l’unico, confronto che pende nettamente dalla parte di un esponente del Bayern: come nel caso del suo compagno di reparto Van Bommel, sta vivendo una stagione da protagonista assoluto. Non dal punto di vista realizzativo (a secco in Champions, tre gol nel 2009/10), ma piuttosto nel ricucire tra difesa e attacco: i suoi chilometri permettono ai suoi compagni di rifiatare e non è poco. Stankovic? Probabilmente se ci fosse stato a disposizione Motta (squalificato) non lo avremmo visto in campo dall’inizio: il serbo però si farà trovare pronto, come sempre in questa lunga e faticosa annata.

ALTINTOP vs BALOTELLI 2

Chi giocherà largo a sinistra? E’ la domanda che si fanno sia Van Gaal che Mourinho. Il primo opterà probabilmente sul turco nel ruolo di vice-Ribery (squalificato), posizione che peraltro ha già ricoperto in più di un’occasione senza sfigurare (anche se predilige la fascia opposta). Per quanto riguarda l’Inter, beh, forse Mou farà la sua “giocata” a sorpresa, schierando Supermario sin dal primo minuto, anche se Pandev garantirebbe più copertura sulla fascia. In entrambi i casi comunque, non ce ne voglia il buon Altintop, ci sentiamo di preferire il giocatore nerazzurro.

ROBBEN vs SNEIJDER X

Ragazzi, che sfida “Galattica”, tutta su sfondo Orange! I due ex madridisti, da oggetti misteriosi si sono trasformati nei protagonisti più attesi della partita, anche se in ruoli leggermente diversi: Robben parte da destra, per fare male rientrando sul suo sinistro (23 volte a segno nel 2009/10, mai così prolifico, quattro in Champions, tutti nella fase a eliminazione), Sneijder predilige il corridoio centrale, ma solo come punto dove fissare la sua rampa di lancio, per far partire siluri in direzione delle punte (3 gol e 5 assist in Champions). Il segno X è d’obbligo, ovvero è QUI che bisogna puntare i riflettori, signori.

MULLER vs ETO’O 2

Giù il cappello per il più giovane (lui è di settembre, Badstuber di marzo, l’anno è il 1989) della nidiata bavarese: nella stagione del suo lancio definitivo in prima squadra, Müller ha già una maglia da titolare e un posto sull’aereo per il Sudafrica. Il suo movimento sul campo e la sua freschezza sono una gioia per gli occhi. Attenzione, però: il signor Eto’o ha vinto due Champions League (e non solo) da protagonista assoluto; ora fa il gregario, è vero, ma quando serviva (vs Rubin e Chelsea) si è fatto trovare pronto. E non dubitiamo che lo sarà anche a Madrid.

OLIC vs MILITO X

Confronto complesso, forse il più complesso: i nostri amici interisti storceranno il naso, visto il rendimento principesco di Milito in questa stagione, ma anche il buon Olic ha dimostrato di essere un attaccante di valore internazionale. A tratti, soprattutto in Champions League, anche più dell’argentino: non solo per i 7 gol a 4 in favore del croato, ma anche per il momento scelto per apporre i suoi sigilli. 1-0 contro il Maccabi e il parziale 2-1 contro la Juve (poi 4-1) nella fase a gironi, il 2-1 al 92′ contro il Manchester e l’1-3 che apre la rimonta nel ritorno, per chiudere con la tripletta dello Stade de Gerland di Lione. Certo, Milito è Milito però…

Fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti

CALCIO-COPPE EUROPEE

Centrata la singola AIK – Dnipro!

Centrata la singola AIK – Dnipro!   0

Centrata la singola europea di ieri: grazie alla vittoria del Dnipro per 3-2 sul campo dell'Aik Stoccolma sono stati centrati entrambi i risultati proposti per la giocata singola: il 2, quotato [...]