CHAMPIONS LEAGUE – Stankovic salva l’Inter
CHAMPIONS LEAGUE-LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 2a GIORNATAPrecedente
CHAMPIONS LEAGUE - Fiorentina perfetta: Liverpool koProssimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

CHAMPIONS LEAGUE – Stankovic salva l’Inter

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

L’Inter strappa un pareggio sofferto sul campo del Rubin Kazan, nel match valevole per il 2° turno del Gruppo F di Champions League. Russi in vantaggio all’11esimo del primo tempo con Dominguez, che sfrutta la disattenzione di tutta la retroguardia nerazzurra. Pareggia di testa Stankovic al 27esimo, lasciato solo davanti alla porta su cross di Maicon. Nella ripresa espulso Balotelli per doppia ammonizione. Per Mourinho due punti in due partite.

 

LA PARTITA

 

Di questo pareggio, almeno, Josè Mourinho dovrà rendere conto. Già perché se il portoghese ha perfettamente ragione nel non voler essere ‘coinvolto’ nelle delusioni incassate dall’Inter in Coppa Campioni negli ultimi decenni, la sua ‘campagna di Russia’, pur senza avere i confini della tragedia, getta comunque ombre evidenti sulla capacità del tecnico nerazzurro di gestire l’emergenza. Senza Sneijder, Muntari, Thiago Motta e Milito (assente dell’ultim’ora), l’Inter è scesa in campo a Kazan con un 4-3-3 spregiudicato, mostrando difficoltà enormi nel contenere la pressione offensiva della squadra di Berdyev.

 

Il gol di Dominguez che porta in vantaggio i russi è il frutto – oltre che dell’abilità dell’argentino – dell’ingenuità con la quale l’Inter si fa trafiggere per vie centrali. Ben posizionato fra i reparti avversari, Dominguez all’11esimo va via a Cambiasso e salta agevolmente Lucio, vanificando la disperata rincorsa in area di Samuel. Al 18′ è sempre lui a offrire a Cesar Navas l’occasione di chiudere i conti con largo anticipo. Julio Cesar vede le streghe, poi riapre gli occhi e si scopre miracolato, più o meno quanto Stankovic, completamente dimenticato da Salukvadze sul secondo palo al minuto 27′ per l’incornata (su cross di Maicon) che vale il pari nerazzurro. Tre minuti e la partita rischia di cambiare completamente faccia. Balotelli prova a far saltare il banco, sfiorando la tombola da posizione defilata. Ryzhikov e la traversa si oppongono ad un inaspettato tripudio nerazzurro, prima di un secondo tempo che di positivo per l’Inter ha veramente poco.

 

Il minuto chiave è il 15esimo. Fallo ingenuo ma non cattivo di Balotelli, già ammonito. Hauge estrae il secondo giallo. Mourinho reagisce inserendo Quaresma al posto di Mancini (due fantasmi), ma l’ultima mezz’ora si trasforma in un assedio. Entra anche Vieira al 34′ al posto dell’opaco Cambiasso, ma è tardi per mettere argini. Due minuti dopo l’ingresso del francese Semak provoca il brivido peggiore, centrando in pieno il palo di destro, dopo che tre minuti prima Dominguez aveva costretto Julio Cesar ad un intervento in due tempi sulla punizione violenta dalla distanza.

 

L’Inter, sopravvissuta all’arrembaggio, rimette la testa avanti solo al 42′ e Samuel avrebbe anche la palla buona per fare danni, ma l’argentino la spreca ed è il caso di dire “giusto così”, perché la beffa per questo Rubin sarebbe stata davvero troppo grossa. Così l’Inter rimanda ancora l’appuntamento con quella vittoria che in Champions, con il portoghese in panchina, è arrivata solo due volte su dieci. E chissà che ora Mou non si decida a dare qualche spiegazione.

 

LE PAGELLE

 

Lucio 5 Un birillo. Sull’incursione centrale di Dominguez sembra voler attendere una telefonata da Julio Cesar prima di entrare in azione. E l’11esimo e il Rubin passa in vantaggio. Al 38′, allertato forse col giusto anticipo, si muove invece per tempo, anticipando Bukharov lanciato in area proprio da Dominguez.

 

Salukvadze 5 Stankovic non ha certo sofferto di solitudine quando al 27′ l’esterno difensivo del Rubin ha pensato bene di farsi una passeggiata verso Mancini, regalando al serbo un posto in prima fila davanti alla porta.

 

Dominguez 7 Tralasciando l’imbarazzo per la reazione, se così la si può chiamare, di Cambiasso e Lucio, mette in evidenza velocità, un sinistro potente e un destro preciso, quello con cui serve a Cesar Navas la palla perfetta per il 2-0. Che invece non arriva. E la partita cambia.

 

Bukharov 6,5 Sponda perfetta per Dominguez, vince ogni confronto ‘ad alta quota’, malgrado incassi per tutta la partita una discreta dose di legnate.

 

Cambiasso 5 In una serata in cui il centrocampo nerazzurro fa una fatica incredibile a proteggere la difesa, il Cuchu (a disposizione, ma evidentemente non al top) ci mette del suo, in negativo, perdendosi Dominguez in avvio d’azione sullo scatto che porta al gol del vantaggio russo e poi Cesar Navas qualche minuto dopo, nell’episodio che all’Inter poteva costare carissimo.

 

Balotelli 5 Malgrado la sua giovanissima età è già un fenomeno. Nell’andare a cercarsi guai, si intende. L’arbitro Hauge non è generoso con SuperMario, questo pare evidente, ma l’intervento a palla lontana su Noboa, con l’incubo del secondo giallo che incombe e qualche falletto precedente da farsi perdonare, poteva certamente essere evitato.

 

Simone Benzoni

 

IL TABELLINO
Rubin Kazan (4-4-2): Ryzhikov 6; Salukvadze 5, Sharonov 5, Navas 5,5, Ansaldi 6; Ryazantsev 6,5, Noboa 6, Semak 6,5, Karadeniz 6,5; Dominguez 7 (41′ st Kasaev sv), Bukharov 6,5. A disp. Revishvili, Gorbanets, Popov, Balyaikin, Bystrov, Murawski. All. Berdyev
Inter (4-3-3): Julio Cesar 6,5; Maicon 6,5, Lucio 5, Samuel 6,5, Chivu 6; Zanetti 6, Cambiasso 5 (34′ st Vieira sv), Stankovic 6,5; Balotelli 5, Eto’o 6, Mancini 5 (18′ st Quaresma 5). A disp. Toldo, Orlandoni, Cordoba, Santon, Krhin. All. Mourinho
Arbitro: Hauge (Norvegia)
Marcatori: 11′ pt Dominguez (R), 27′ pt Stankovic (I)
Ammoniti: Karadeniz (R), Samuel (I), Maicon (I)
Espulso: 15′ st Balotelli (I) per somma di ammonizioni

 

Fonte: Sportmediaset.it

Articolo   0 Commenti

CALCIO-COPPE EUROPEE

Centrata la singola AIK – Dnipro!

Centrata la singola AIK – Dnipro!   0

Centrata la singola europea di ieri: grazie alla vittoria del Dnipro per 3-2 sul campo dell'Aik Stoccolma sono stati centrati entrambi i risultati proposti per la giocata singola: il 2, quotato [...]