CALCIO – QUALIFICAZIONI MONDIALI 2010 – IRLANDA – ITALIA: UN PUNTO PER IL SUDAFRICA…
F1- Massa, occhio recuperato al 100%Precedente
VIDEO - Brasile, rissa tutta al femminileProssimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

CALCIO – QUALIFICAZIONI MONDIALI 2010 – IRLANDA – ITALIA: UN PUNTO PER IL SUDAFRICA…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

L’Italia potrebbe raggiungere la qualificazione ai prossimi Mondiali contro l’Irlanda di Trapattoni. Se non dovesse succedere la nostra nazionale avrà poi la seconda chance contro Cipro. Ma Lippi ha le idee chiare: “C’é una grande differenza tra ottenere il passi Mondiale già domani o mercoledì contro Cipro – dice il ct azzurro prima della partenza da Coverciano – Mi piacerebbe qualificarci già domani, e non solo per motivi scaramantici”. Anche prima del Mondiale 2006 l’Italia si qualificò con una giornata di anticipo sulla fine del girone. Che l’occasione arrivi contro Trapattoni, sottolinea Lippi, é solo una coincidenza. “Ma se consideriamo – ha aggiunto il tecnico – che campioni come Cristiano Ronaldo e Ibrahimovic rischiano di restare a casa, non è proprio tutto da buttare…”. Nessuna indicazione sulla formazione: “Il 4-2-3-1? Cosa è, il prefisso telefonico di Dublino?…”, la battuta prima di congedarsi.

 

FUTURO IMMEDIATO – Non sa neanche quel che farà domani, anche se domani c’é Irlanda-Italia: ma il modo di dire usato da Marcello Lippi serve a chiarire che l’ipotesi di un futuro Juve non oscura i suoi orizzonti azzurri. “Ha detto bene Buffon ieri, quando ha sottolineato che io in un lavoro ci metto l’anima – ha detto il ct azzurro alla vigilia della sfida di Dublino – Un lavoro mi assorbe in maniera globale. Non so neanche cosa farò domani, figurarsi se penso alla prossima estate…”. Quanto alla scadenza del contratto in nazionale, Lippi ha spiegato: “Farò per filo e per segno quel che feci quattro anni fa: dopo il Mondiale mi siederò e vedremo. Che senso avrebbe firmare un accordo prima, poi se va male restare? E poi, sono sicuro, se mi siedo dopo il Mondiale strappo anche un contratto più alto…”. Per ora, dunque, si parla solo di Irlanda-Italia, e non “perché sono scortese: voi mi volete far passare per scortese, ma non è così”.

 

FORMAZIONE – Quanto agli argomenti consentiti, tipo modulo o affini, ci si affida all’intuito: Palombo è naturale candidato alla sostituzione dell’infortunato Marchisio (ma oggi è stato provato Gattuso), così come Legrottaglie dello squalificato Cannavaro. Resta il dubbio in attacco, due maglie per tre punte; con Iaquinta in pole, l’altra se la giocano Di Natale e Gilardino. “Posso solo dire – l’indicazione minimalista di Lippi – che useremo tutte le nostre caratteristiche: giochiamo in uno stadio chiamato ‘del sangue’, che brutto soprannome. E perciò non mi piace parlare di ‘armi azzurre’. Ma di solito preferisco usare tutti e tre i cambi, adattare la squadra allo sviluppo della partita: ha ragione Buffon, ci aspettiamo improvvise folate dell’Irlanda. Pure loro, però, dovranno guardarsi dalle nostre”. Non dire Italia se non ce l’hai nel sacco, verrebbe da dire se per un attimo Lippi non preferisse guardare alla Storia con la maiuscola, sempre nel segno della pace. “Sono felice per il Nobel a Obama, è stata riconosciuta la svolta epocale della sua elezione”. Quanto alla svolta azzurra al bivio Trap, l’unico messaggio che Lippi si sente di inviare al maestro-rivale è davvero soft: “Ciao, Giovanni”. L’appuntamento è per sabato al Croke Park.

 

Queste le probabili formazioni che scenderanno in campo domani:

 

IRLANDA (4-4-2): 1 Given, 4 O’Shea, 5 Dunne, 2 St.Ledger, 3 Kilbane, 8 Lauwrence, 6 Whelan, 11 Andrews, 7 McGeady, 10 Keane, 9 Doyle (12 Westwood, 13 McShane, 14 Nolan, 15 Miller, 16 S.Hunt, 17 Long, 18 N. Hunt). All.: Trapattoni.

 

ITALIA (4-2-3-1): 1 Buffon, 2 Zambrotta, 5 Legrottaglie, 4 Chiellini, 3 Grosso, 6 De Rossi, 8 Palombo, 7 Camoranesi, 10 Pirlo, 11 Di Natale, 9 Iaquinta (12 Marchetti, 13 Santon, 14 Gamberini, 15 Gattuso, 16 D’Agostino, 17 Rossi, 18 Gilardino). All.: Lippi

 

ARBITRO: Hauge (Nor)

Fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti