pronostici 27a giornata serie a, scommesse serie a, 27a giornata serie a, probablili formazioni 27a giornata serie a, bologna napoli, palermo livorno, sampdoria lazio, bari chievo, lavezzi quaqliarella, zalayeta, mazzarri, miccoli cavani pastore, lucarelli cosmi, zarate, pozzi pazzini, cassano, barreto, pellissier, milito l ex, gasperini, eto'o balotelli, suazo, marco rossi, pronostici posticipo inter genoa
CALCIO - SERIE A - 27a Giornata - Le probabili formazioni... OUT THIAGO MOTTA, TORNA ZARATE, LAVEZZI-QUAQLIARELLA PER IL NAPOLI...Precedente
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNO 7/3Prossimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – SERIE A – 26 Giornata – Napoli e Palermo per rispondere alla Juve, Samp-Lazio ritrova le punte, l’Inter attende per riScappare…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

Bologna-Napoli - il ns. prono x2 (1.43) – Goal (1.70)

Da ora in poi conterà solo il campo, basta priorità. Il tecnico del Napoli, Walter Mazzarri guarda al futuro e traccia un bilancio della sua permanenza in azzurro: da Napoli-Bologna a Bologna-Napoli. “Il mio bilancio da quando sono qui è assolutamente positivo, ma questo è sotto gli occhi di tutti. Contro il Bologna debuttai al San Paolo e ad essere sinceri si respirava nell’ambiente una profonda aria di sfiducia che si percepiva chiaramente – ha detto l’allenatore – da quella partita in poi abbiamo ricostruito una mentalità nuova e pian piano si è ricreato il grande entusiasmo che ci ha spinto in alto. Abbiamo ottenuto una serie positiva che ha dello straordinario. In assoluto abbiamo conquistato 18 risultati utili su 19 rimontando tantissimi punti sulle squadre più accreditate questa estate. Sono risultati che vanno oltre le aspettative. Noi non guardiamo la classifica, possiamo giocarcele tutte al massimo”. Per Mazzarri la sua è “una squadra che getta sempre il cuore oltre l’ostacolo. A dire il vero con la Roma meritavamo di più. Abbiamo creato palle gol limpide nel primo tempo e potevamo segnare per primi. Su tutte voglio ricordare quella capitata a Maggio dopo un’azione spettacolare condotta da Lavezzi e Quagliarella. In questo momento siamo una delle squadre che produce il miglior gioco in Italia e che è arrembante contro qualsiasi avversario. Questo è l’aspetto che per me conta. Poi in un campionato ci sono periodi di vacche magre e vacche grasse. L’importante è affrontare tutte le partite con la mentalità di dare sempre il massimo”. A chi gli chiede se domenica ci sarà da aspettarsi l’esclusione di uno tra Hamsik e Quagliarella, risponde che lui é uno che “segue molto ciò che avviene nel rettangolo verde”. “A Siena dovevo decidere chi tirare fuori tra Quagliarella e Denis ed ho optato per il Tanque. Volevo inserire Lavezzi, poi dopo ho messo dentro anche Hoffer. Probabilmente avrei dovuto tenere in campo Denis, ma Fabio è uno che la zampata la può cercare. Da ora in poi guarderò solo il campo, chi starà meglio giocherà e non ci saranno più priorità per nessuno. Nei finali di campionato c’é bisogno di equilibrio. Bisogna allenarsi bene, li considero tutti titolari ma ci sono anche tre cambi a disposizione”. Inutile nascondersi: oggi il Napoli punta dritto all’ Europa… “Sì, ma sapete che io non guardo la classifica – ho chiesto ai ragazzi di fare il nostro calcio e di non pensare alle sorti delle altre squadre. Io voglio che la mia squadra dia il massimo, poi tireremo le somme. Pensate che io ho in testa di vincerle tutte da qui alla fine. Chiaramente sarà impossibile ma lo dico per far capire quale spirito ci anima all’interno dello spogliatoio. Anche perché poi al termine di quest’anno dobbiamo creare i presupposti per costruire la prossima stagione”. Alla fine spazio alle sensazioni: “Napoli è la piazza che ho sempre sognato – ha concluso Mazzarri – Sin da giovane, anche quando facevo il secondo di Ulivieri, pensavo: che bello sarebbe avere la panchina azzurra. Per me allenare il Napoli rappresenta il massimo. Il fuoco che ha dentro questa città è lo stesso che ho dentro io. La passione di Napoli appartiene alla mia personalità. Non ci ho pensato un solo secondo quando mi è arrivata la telefonata di De Laurentiis. La mia non è stata una scelta ragionata, ma una scelta di pelle e di entusiasmo. E spero che questa avventura possa portarci lontano”.

Palermo-Livorno – il ns. prono Over (1.88) – x2 (2.41)

Un’impresa del genere non può non avere conseguenze. Delio Rossi lo sa bene e per questo ha tenuto alta la tensione in settimana. Il suo Palermo una settimana fa ha espugnato Torino, issandosi al quarto posto e scavalcando la Juventus. Ora bisogna continuare su questa strada. Al Barbera domenica pomeriggio arriva il Livorno (27a giornata di Serie A). E pare proprio una ghiotta occasione per rimpinguare il bottino di 43 punti. I rosanero sono scatenati. Nel mese di febbraio hanno steccato soltanto a Roma contro i giallorossi di Claudio Ranieri. Nel resto dei match hanno sempre vinto. In più, al Barbera hanno vinto 7 partite di fila. Insomma, il passo è quello buono per mirare alla Champions. I bilanci si faranno in primavera, ha detto Delio Rossi. Ormai non manca molto. Decisamente diverso il clima in casa Livorno. Gli amaranto sono venti punti sotto il Palermo e occupano il terz’ultimo posto in classifica. La situazione è tutt’altro che rosea. La squadra di Cosmi non vince dal dieci gennaio (2-1 al Parma). Da allora sono arrivati 5 ko, 3 dei quali consecutivi e nelle ultime 3 partite giocate. Peggio di così è difficile fare. Serve invertire la tendenza. Certo è che, con un Palermo così lanciato, sarà dura. Anzi, durissima.

Sampdoria-Lazio – il ns. prono 1x (1.24) – 1 (2.15)

Basta le polemiche, ora si torna a giocare. Per motivi diversi, Sampdoria e Lazio pensano la stessa cosa. E il caso vuole che le due formazioni siano destinate a darsi battaglia domenica pomeriggio a Marassi (27a giornata di Serie A). I blucerchiati vogliono mandare in archivio le polemiche arbitrali dopo il fattaccio di Parma, mentre i biancocelesti sperano di essersi definitivamente messi alle spalle il cattivo momento in campionato e le conseguenti polemiche con i tifosi. “Dobbiamo stare sereni e ripensare alle nostre ultime prestazioni – spiega Gigi Delneri in conferenza stampa – e la squadra deve continuare a fare il massimo in allenamento, accettando quel che accade la domenica sul campo: tutti possiamo sbagliare e un errore, se commesso in buona fede, va accettato senza polemiche”. Out lo squalificato Ziegler, tornano Pozzi e Pazzini, ma non Cassano, che comunque è stato convocato. Il motivo lo spiega lo stesso mister doriano: “Ho parlato sia con il ragazzo che con lo staff medico: credo che ci vorranno tra i dieci e i venti giorni per rimettere Antonio nelle condizioni di poter affrontare una partita. È stato a lungo fermo e ora, pur lavorando in gruppo, svolgerà una mini-preparazione che gli possa permettere di riprendere a giocare sino alla fine del campionato, senza il rischio d’incorrere in ricadute. Intanto starà con noi, verrà in ritiro con la squadra e inizierà a riassaporare il clima partita”. Dal canto suo, la Lazio parte per la Liguria con la missione impossibile a tutti in questo campionato: battere la Sampdoria a Marassi. I doriani sinora hanno vinto 7 partite e ne hanno pareggiato 5. Per l’occasione Edy Reja conferma la difesa a quattro ma ritrova Radu, spostato da terzino sinistro con Kolarov avanzato a centrocampo in un centrocampo comunque a rombo. Zarate partirà dal primo minuto.

Bari-Chievo – il ns. prono 1 (1.99) – Goal (1.81)

Match interessantissimo tra due rivelazioni di questo campionato. Il Bari ospiterà infatti il Chievo in una gara che, se dovesse vincere la squadra di Ventura, vorrebbe dire aggancio. Il Chievo ha 35 punti ed è decimo in classifica insieme alla Fiorentina, mentre il Bari ha 32 punti e naviga in 13a posizione. Nell’ultima giornata i gialloblù avevano battuto il Cagliari in casa 2-1, mentre i galletti arrivano dalla brutta sconfitta fuori casa con il Catania, 4-0. Per questa gara mister Ventura dovrà probabilmente fare a meno di Rivas, che ha un problema a un ginocchio. e’ invece ufficialmente fuori combattimento Meggiorini, alle prese con guai a un’anca. non saranno della partita nemmeno Parisi, Donda, Kutuzov e l’infortunato di lungo corso Ranocchia. In attacco è confermato Castillo, in coppia con Barreto. Ecatombe invece per i clivensi, a cominciare dal mister: Mimmo Di Carlo è infatti incappato in una giornata di squalifica nella prima spedizione punitiva contro le bestemmie; una giornata di squalifica anche per Marcolini, Yepes e Luciano. Sono indisponibili invece Moro e Abbruscato, e quindi la formazione è abbondantemente da rivedere, vista l’assenza di tanti titolari. L’indiscutibile Pellissier in attacco dovrebbe essere affiancato da De Paula, nonostante Granoche abbia segnato il gol della vittoria contro il Cagliari.

Inter-Genoa- il ns. prono 1 (1.37) – Over (1.70)

Provare a scappare nuovamente da una parte, e cercare di vendicare le cinque sberle dell’andata dall’altra. Questa, in sintesi, Inter-Genoa che illuminerà San Siro domenica sera. I nerazzurri, dopo la scorpacciata di gol di Udine condita con tre punti importantissimi, vogliono tornare a vincere anche in casa provando magari a piazzare un nuovo strappo in classifica. Mourinho, che dovrà sedersi ancora in panchina per la maxi squalifica del post Sampdoria, potrà infatti preparare la sfida contro il Grifone conoscendo già il risultato di Roma e Milan che si sfideranno sabato sera: il risultato dell’Olimpico, dunque, potrebbe essere decisivo anche per la corsa dell’Inter. Il tecnico portoghese torna a sorridere visti i recuperi di Samuel, Cordoba e Muntari – tutti squalificati a Udine – anche se dovrà ancora rinunciare a Cambiasso che tornerà dunque a Catania nel posticipo di venerdì prossimo. Possibile che Lucio impegnato col Brasile tiri il fiato anche se il verdeoro sta attraversando un momento di forma straordinario. Buone notizie anche per Zanetti, pienamente recuperato, che agirà sempre come terzino sinistro visto che Santon e Chivu sono ancora ai box. A centrocampo probabile l’impiego di Muntari con Stankovic per riproporre il modulo a trazione anteriore con Sneijder alle spalle del trio d’attacco. Inamovibile Milito, si giocheranno due maglie Pandev, Eto’o e Balotelli. Out all’ultimo respiro Thiago Motta. Il Genoa, invece, vuole cancellare l’incredibile e pirotecnica sconfitta interna di settimana scorsa contro il Bologna ma soprattutto i cinque schiaffoni ricevuti all’andata da Stankovic e compagni. Gasperini, però, dovrà fare a meno anche di Dainelli, costretto a uscire durante l’amichevole col Finale Ligure. Probabile il forfait, che si unisce a quelli di Juric e Acquafresca. Il tecnico dunque potrebbe optare per uno schieramento piuttosto prudente visto che la difesa rossoblu è la seconda più trafitta dell’intero campionato: a sinistra ci sarà Mesto al posto di Sculli, con Milanetto in regia mentre in difesa si dovrebbe rivedere Bocchetti. “Fare l’impresa? Sarà dura ma ci proveremo – ha spiegato Gasperini - Non parlo di Mourinho per quello che dice, mi riferisco al campo e ho visto una squadra che in questo campionato è cresciuta moltissimo anche dal punto di vista tattico. Rispetto al passato ha alzato la qualità della rosa, diventata fortissima. Al di là dei numeri giocano bene, fanno ottime partite e sono sempre in crescita. Conto il Bologna siamo rimasti bruciati, avevamo l’opportunità di salire in classifica ed invece…. Comunque vada daremo il massimo sino alla fine, a cominciare proprio dalla gara con l’Inter. Nel gruppo c’é grande entusiasmo e tanta voglia di ripartire. Milito è il giocatore più forte che abbia mai allenato. Lo saluteremo con affetto e faremo il tifo per lui e per Thiago Motta, ovviamente non domenica sera. Speriamo però anche che Suazo sia motivatissimo“. Già, perchè Inter-Genoa sarà anche la partita dei grandi ex….

Sulle partite fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti