CALCIO – SERIE A – Anticipi 29a Giornata – Una Roma decimata ospita la Juve per il big-match, Lazio al ‘Massimino’ per sognare la ‘Champions’…
CALCIO - SERIE B - 32a Giornata - Il Bari per l'allungo, per il Livorno impegno agevole tra le mura amiche, Triestina - Parma sfida cruciale... Precedente
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNO 21/3Prossimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – SERIE A – Anticipi 29a Giornata – Una Roma decimata ospita la Juve per il big-match, Lazio al ‘Massimino’ per sognare la ‘Champions’…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

logo-seria-a-2008.jpgRoma – Juventus

Quest’anno va così. La sfida con la Juventus è sempre e comunque l’ultima spiaggia per la Roma di Spalletti. Al match d’andata del primo novembre, i giallorossi arrrivarono dopo 4 sconfitte di fila e incassarono la quinta sotto i colpi di Del Piero e Marchionni. Alla partita di ritorno i capitolini si presentano con sette infortunati (Aquilani, Cicinho, Juan, Cassetti, Perrotta, Taddei e Totti) e quattro squalificati (Diamoutene, Motta, Pizarro e De Rossi: a proposito di quest’ultimo, la Corte di Giustizia federale ha respinto il ricorso presentato dalla Roma contro la squalifica di due giornate). Undici giocatori fuori, una squadra intera che non sarà a disposizione del malcapitato Spalletti . Eppure, il tecnico di Certaldo non è il tipo di allenatore che ama cercarsi alibi. E così prosegue sulla sua strada.Nelle difficoltà non serve piangere – ha dichiarato Spalletti alla vigilia – Bisogna restare convinti delle proprie possibilità. La vittoria dipende sempre dal cuore e dagli uomini. Noi abbiamo un gruppo che contro l’Arsenal e la Sampdoria ha fatto vedere uno spirito corretto e giusto”. Non c’è tempo, quindi, per giocarsi la carta delle proteste arbitrali. Come Julio Baptista aveva provato a fare qualche giorno fa. Spalletti passa oltre: “In questo momento non ho tempo per pensare a tali questioni. Il mio tempo è occupato tutto in funzione della mia squadra”. Il mister giallorosso è tutto concentrato sul modo giusto per caricare i pochi giocatori rimasti a disposizione: “E’ dalle situazioni difficili che si determinano le svolte. Questa è una situazione difficile. Quanti spettatori ci saranno domani? Cinquantamila. Allora abbiamo cinquantamila ragioni per provarci e non una semplice scusa per arrenderci. Per ciò ci si prova”. Spalletti non ha paura, ma preferisce non sbilanciarsi in dichiarazioni forti. Qualche tempo fa aveva sostenuto che in caso di mancato aggancio al quarto posto la colpa sarebbe stata sua. Ora l’affermazione viene definita meglio: “Non so se in quel caso sarebbe finito il mio ciclo qui. In quel caso direi che ho sbagliato a sviluppare il ruolo. Ma bisogna considerare altre cose. Il contratto rimane, la stima da parte mia rimane. A prescindere dal risultato finale. Non conta solo il risultato. Dipende da come ti comporti. I comportamenti che hai possono fare la differenza. A volte contro la sorte nulla può fare l’uomo”. Contro le malelingue, però, qualcosa si può. Spalletti ne approfitta così per mettere a tacere alcune voci che circolano sul suo rapporto con Totti: “E’ diverso da quello che riportano alcuni. I soliti tiratori scelti che si mettono sui tetti, sparano a destra, sparano a sinistra e poi, come nei film, finiscono le munizioni e vengono presi. Totti è l’eccellenza dei calciatori che ho allenato nella mia carriera fino ad adesso. Ho un grandissimo rapporto e una grandissima stima, per quello che sento e per quello che ho letto. E ho anche il suo numero. Gli posso telefonare. Voi giornalisti no, riportate quello che vi dice qualcun altro”. Una bella stoccata. Una battuta che conferma la forza d’animo del tecnico capitolino. Così come quella che mette fine commenta le mille ipotesi di formazione: “Se giocheranno Loria, Filipe e Crescenzi? Non lo so. Crescenzi fa parte dei convocati. Però mi devo prendere tutto il tempo possibile per decidere la formazione. Ho l’imbarazzo della scelta…“. Con uno spirito così, nessuna impresa è davvero impossibile. Lungo anche l’elenco indisponibili dei bianconeri. Difesa fatta con Mellberg al fianco di Chiellini, mentre a centrocampo Marchisio non ce la fa a causa del riacutizzarsi del dolore al gionocchio: Ranieri tentato dall’idea di confermare dal primo minuto Giovinco (ma senza rinunciare a Nedved), e davanti, in attesa del perdono definitivo per Trezeguet, dovrebbe far partire titolari Del Piero e Iaquinta. Per noi x2 (1.35) molto probabile… con il 2 da rischiare 2 (2.52).

Catania – Lazio

A Catania per dimenticare il ko con il Chievo e per provare a riaprire il discorso Uefa. E’ la missione della Lazio e di Delio Rossi. Obbligatorio ottenere il massimo dei punti. ‘Il Catania e’ un’ottima squadra, che in casa raggiunge sempre le sue salvezze, pero’ se noi siamo la Lazio possiamo fare risultato su ogni campo’, dice Rossi. In campo non ci sara’ il centrocampista brasiliano Matuzalem, mentre confermato in porta Muslera. In attacco si rivedra’ Rocchi dal primo minuto. Il Catania deve battere la Lazio per ritagliarsi un angolo di tranquillità in classifica. Intanto Zenga punta a “quota 42″. Walter Zenga mischia le carte. E maschera almeno fino a domani pomeriggio ai cronisti il volto del suo Catania, chiamato a confermare le ultime belle prestazioni (fatta eccezione per la debacle interna contro il Siena) nell’anticipo di domani contro la Lazio al Massimino. Di certo si sa solo che Baiocco non potrà prendere parte al match con i biancocelesti a causa di un acciacco muscolare e non è stato neppure convocato. Così come il folletto nipponico dell’attacco Morimoto. Lasciati a casa per scelta tecnica, invece, Terlizzi e Dica. In avanti ballottaggio Martinez-Paolucci per affiancare l’intoccabile Mascara, forse giunto al suo momento di massimo splendore ai piedi dell’Etna e ormai ribattezzato “Mascaradona” (per le recenti prodezze balistiche) dai suoi tifosi in visibilio. Qualche chances anche per il redivivo Spinesi. In conferenza stampa Walter Zenga ha spiegato di aver cambiato il target di classifica cui mira assieme ai suoi giocatori: “Prima dicevo che il traguardo salvezza era stato fissato a 40 punti. Adesso ho cambiato, ci si salva a 42. Così mancano otto punti e i ragazzi avranno più stimoli e saranno più incentivati a far bene, per conquistare quanto prima questa benedetta quota sicurezza”. Goal (1.68) facile, con la Lazio leggermente favorita x2 (1.40).

Sulle partite fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti