CALCIO – SERIE A – Anticipi 8a Giornata – Dopo la sosta, sabato da favola con Juve – Fiorentina e Genoa – Inter…
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNO 16/10Precedente
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNO 17/10Prossimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – SERIE A – Anticipi 8a Giornata – Dopo la sosta, sabato da favola con Juve – Fiorentina e Genoa – Inter…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

Juventus – Fiorentina - il nostro pronostico 1x (1.20) – Goal (1.81).

“Questa non è la vera Juve”. Dopo la “partita storta” contro il Palermo c’è voglia di rivincita, c’è voglia di rivedere la Juve di inizio stagione, quella che ha schiantato la Roma all’Olimpico. Ciro Ferrara ha parlato chiaro con i giocatori ieri pomeriggio, prima dell’inizio dell’allenamento. La prima sconfitta stagionale non deve lasciare cicatrici, i bianconeri ripartono da Diego. Dimenticare Palermo — “E’ una partita da non prendere in considerazione, non siamo stati la vera Juve. Ieri ho rivisto i ragazzi, abbiamo parlato e messo da parte quella sconfitta, cercando di capire in cosa abbiamo sbagliato. Vogliamo tornare la Juve di inizio stagione. Ci vogliono umiltà e cattiveria. Contro la Fiorentina sarà tutta un’altra partita, una sfida molto stimolante per dimenticare Palermo. Qualche partita completamente storta può sempre capitare, ne ho vissute anche sulla mia pelle. Ma la Juve ha sempre avuto la caratteristica di riprendersi subito, voglio rivedere la Juve in campo contro la Roma”. Centrocampo ok — “Non siamo più in emergenza come due settimane fa: è tornato Sissoko. Gli mancano ritmo e minuti, è vero, ma li troverà. E’ una risorsa importante per noi. E’ convocato ma voglio un rientro graduale. Modulo? Si potrebbe cambiare ma ora dobbiamo continuare con le nostre certezze. Melo? Siamo convinti che Felipe sia stato un grandissimo acquisto. Sta bene , ha avuto un fastidio alla coscia, lo teniamo sotto controllo, ma ha la piena disponibilità per giocare”. Viola — “La difesa della Fiorentina ma soprattutto l’organizzazione della squadra permette loro di rischiare poco. Stimo tantissimo Prandelli. Ha plasmato un’ottima squadra, temibile sugli esterni, che punta molto sul possesso palla e il cambio del gioco. Vargas nell’ uno contro uno è bravo a saltare l’uomo e crossare. Gila è un opportunista. Ne ha fatti 3 contro Cipro, magari sabato si riposa. Se non avesse segnato magari sarebbe stato più incazzato. Ha il morale alle stesse, i nostri difensori sanno che ci vuole massima attenzione. Non è una sfida a due Gilardino – Amauri”. Diego — “Sta bene, c’è tanta attesa. Cerco di stemperare la tensione, non è giusto che la nostra prestazione dipenda esclusivamente dal suo stato di forma. Sostituito a Palermo? Mi è sembrato tranquillo, nonostante la comprensibile amarezza. Il modulo non dipende solo da lui. Se sta bene ci fa fare salto d qualità”.

Genoa – Inter - il nostro pronostico 1x (1.54) – x (3.10)

Potrebbe essere David Suazo l’arma dell’Inter nell’anticipo di sabato sera sull’insidioso campo del Genoa. “David è veloce, è un giocatore che negli spazi diventa pericoloso, quindi contro il Genoa potrebbe essere la sua partita – ha spiegato Mourinho nella conferenza stampa di Appiano Gentile. Il tecnico portoghese, che non potrà contare su Milito, ha dovuto rinunciare anche a Samuel Eto’o che non è stato convocato per la sfida col Grifone. L’attaccante camerunense, infatti, non ha recuperato dalla botta al piede rimediata in Nazionale e dunque ha preferito non forzare il rientro soprattutto in vista della fondamentale partita di martedì sera contro la Dinamo Kiev in Champions League dove mancherà anche lo squalificato Balotelli. E’ l’attacco, infatti, il reparto che preoccupa di più il tecnico portoghese in vista della trasferta ligure. “Non so ancora chi può giocare e chi no perché in settimana abbiamo avuto pochi giocatori disponibili – ha proseguito il lusitano – Abbiamo avuto tante difficoltà da inizio campionato. Quando abbiamo iniziato con la squadra ideale e i cinque acquisti abbiamo giocato sempre bene, quando non giocano in tre o quattro andiamo un po’ in difficoltà ma siamo sempre una squadra che vince spesso, pareggia ogni tanto e perde poco. E contro la Sampdoria non abbiamo fatto male. Noi entriamo in campo per vincere poi bisogna vedere l’avversario e il Genoa è un avversario forte che non ti permette di fare la tua partita. Sarà un dialogo, non un monologo. Dovremo difendere bene perchè quando attaccano è dura“.Capitolo Eto’o. Il camerunense sente ancora male al piede e dunque Mourinho deciderà solo all’ultimo se schierarlo a Genova. “Si deve allenare e poi vedremo se sarà in condizione di giocare – ha spiegato l’allenatore nerazzurro che poi non si è voluto sbottonare più di tanto nemmeno su altri temi caldi di questa settimana. A chi gli chiedeva un giudizio sulle reazioni di Lippi e Maradona, lo Special One si è limitato a un semplice “ho visto la partita della Nazionale e quella dell’Argentina, ma a gare finite non mi sono preoccupato del resto Con l’Italia ha giocato anche Santon che secondo l’ex tecnico di Porto e Chelsea non ha cambiato di nulla quello che sta facendo nel club. Chi invece dovrebbe essere sicuro di una maglia da titolare a Genova e Mario Balotelli ma anche qui Mourinho preferisce evitare l’argomento: “Non ne parlo più. Mario è un giocatore come tutti gli altri“. Sicuro invece il forfait di Thiago Motta, mentre la moria di attaccanti ha convinto il tecnico portoghese a convocare per la prima volta Marko Arnautovic.

Sulle partite fonti – eurosport.it/gazzetta.it

Articolo   0 Commenti