CALCIO – SERIE A – Anticipi 10a Giornata
BUNDESLIGA-11a GIORNATAPrecedente
CALCIO - LE MULTIPLE DEL GIORNOProssimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – SERIE A – Anticipi 10a Giornata

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

logo-seria-a-2008.jpgLuciano Spalletti si augurava di poter contare, una volta tanto, sulla rosa quasi al completo per la delicatissima sfida contro la Juventus. Il turno imprevisto di riposo per il nubifragio di mercoledì avrebbe dovuto favorire soprattutto Francesco Totti, in non perfette condizioni di forma. E invece Totti non ci sarà, fermato dal solito fastidio al tendine rotuleo del ginocchio destro. Spalletti si può consolare pensando che in difesa ritroverà Mexes, e ringrazia la buona sorte perché bene o male la partita contro la Sampdoria ha avuto inizio (si sono giocati sei minuti), così il suo centrale difensivo e Vucinic sconteranno l’ultimo turno di squalifica nel recupero con i blucerchiati, altrimenti avrebbero dovuto rispettare il turno di stop proprio in occasione del big-match contro la Juve. Per un capitano che non gioca, ce n’è uno che inceve sarà regolarmente al proprio posto; Del Piero è lo spauracchio dei giallorossi, memori di come una sua punizione nello scorso campionato aveva rischiato di mettere fine ai sogni di rimonta-scudetto della formazione capitolina. Del Piero ritorna dopo aver saltato il turno infrasettimanale contro il Bologna. Anche senza di lui, ma con un Nedved in grande spolvero, la Juve ha ottenuto al Dall’Ara il terzo successo consecutivo tra Champions e campionato, Ranieri ha spazzato via le polemiche e ha ritrovato un gruppo compatto e di nuovo vincente. Nella conferenza stampa della vigilia il tecnico bianconero ha preferito non allentare la tensione, convinto che il periodo buio non sia ancora passato del tutto (“non vediamo ancora la luce”); ha detto di non fidarsi della crisi della Roma (“tornerà ad essere protagonista”) e ha elogiato il collega Spalletti (“negli anni passati ha fatto un capolavoro quando il mercato della Roma era bloccato”). Per quanto riguarda la formazione che scenderà in campo sabato, permangono i dubbi a centrocampo (“devo valutare le condizioni di Sissoko e Tiago”) mentre in difesa Legrottaglie tornerà a fare coppia centrale con Chiellini. Accanto a Del Piero ci sarà Amauri, pedina insostituibile per una Juve che anche (e soprattutto) grazie a lui è tornata a far felici i propri tifosi. Per noi anche x (3.05) con Goal (1.68).

Non si può certo dire che Josè Mourinho sia una persona incoerente. D’accordo o meno sul contenuto delle sue esternazioni (i modi non sono sempre condivisibili in assoluto), l’allenatore dell’Inter è uno estremamente fermo sulle sue idee. Che lo hanno portato ad escludere dalla trasferta di Firenze sia Cruz sia Adriano. La storia, in occasione della sfida di Reggio Calabria fra la sua Inter e la Reggina, si ripropone. Cruz (che ufficialmente non sarà della gara per via di un risentimento muscolare, ndr) e Adriano non sono convocati, così come Cambiasso ma per lui il discorso è diverso. Il centrocampista argentino è recuperato dall’infortunio che gli ha impedito di esserci a Firenze ma rimarrà comunque a riposo in vista della sfida di Champions League contro l’Antorthosis. Su Adriano, Mourinho è irremovibile: “Non so se capirà, mi sono dedicato a lui non solo come allenatore. Contro la Reggina sarebbe senz’altro importante ma per me fondamentale il rispetto del gruppo e quello nei confronti della società”. A chi gli fa notare che Mancini lo scorso anno dopo 9 giornate aveva 3 punti in più di lui ed era già primo in classifica, l’allenatore lusitano risponde così: “Serve equilibrio nei giudizi, la nostra situazione non mi sembra tanto grave. Giochiamo ogni tre giorni, normale non essere sempre lucidi. I paragoni con Mancini sono sensati solo se fatti a maggio, anche se bisognerebbe dire che l’anno scorso l’Inter non aveva vinto la Supercoppa e aveva già perso la prima partita in Champions League”. Come spesso gli capita, poi, l’ex allenatore del Chelsea chiude con una battuta: “Se mi chiedete se sono contento la mia risposta è no. Non sono affatto contento di essere dietro il Milan”. Per noi 2 (1.37) e Goal (1.93).

Sulle partite Fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti