Mike Sexton e l’heads-up: 10 consigli base per essere vincenti
Euro2012, Betpronostico stacca il biglietto: centrata la super-multipla!!Precedente
Tells online: l’insta-check e il timebanking Prossimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Mike Sexton e l’heads-up: 10 consigli base per essere vincenti

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo
Mike Sexton e l’heads-up: 10 consigli base per essere vincenti

Con l’NBC Heads-up Poker Championship in programma dal 4 al 7 di marzo presso il Caesars Palace di Las Vegas, l’Hall of Famer Mike Sexton coglie l’occasione per presentarci i suoi personali 10 consigli per affrontare al meglio una partita uno contro uno.

1. Tenete sempre sotto controllo lo stack dell’avversario
Uno dei fattori più importanti da tenere sempre in considerazione è l’ammontare delle chips dell’avversario. E’ proprio da questo aspetto, infatti, che dipenderà la scelta della migliore strategia da utilizzare, sempre naturalmente in accordo col tipo di avversario che vi troverete di fronte.

2. Fate un piano e mettetelo in atto
Se dopo un po’ vi accorgete che l’altro è decisamente più forte, allora è inutile cercare di outplayarlo. Provate invece ad accorciare il match giocando grandi piatti già dal preflop, in tal modo potrete limitare di molto il suo probabile margine di vantaggio.

3. Allungate la partita se siete il favorito
Diversamente da quanto detto prima, se realizzate di saper giocare meglio rispetto all’altro allora vi converrà allungare la partita il più possibile. Giocate quindi molti piatti piccoli ed evitate possibilmente le situazioni di all-in. La pazienza sarà la vostra miglior alleata.

4. Giocate in posizione
Ci sono solo due posizioni quando giocate heads-up: sul bottone (in posizione) o sul Big Blind (fuori posizione). Nella prima ipotesi le mani ingiocabili sono davvero poche. Quando siete in posizione, small e big blind sono già nel piatto, perciò avrete odds di 3 a 1 che vi permetteranno di allargare di molto il vostro range di apertura.

5. Non fatevi mettere sotto pressione quando siete fuori posizione
Se il giocatore dal bottone sta rilanciando ogni volta, allora dovrete necessariamente iniziare a 3-bettare. Non potete regalargli sempre il vostro buio, dovrete invece cercare di arrivare al flop decisamente più spesso, altrimenti verrete fatti fuori senza reagire. Iniziate quindi a controrilanciare di più e vedrete che molto probabilmente l’altro tenderà a rallentare la propria azione.

6. Cambiate marcia
Non potete essere prevedibili quando giocate heads-up. Non rilanciate ogni volta che siete in posizione e non foldate sempre quando siete sul big blind se avete carte marginali. State dietro all’avversario e mixate continuamente il vostro gioco. Non abbiate paura di bluffare per vedere un flop e neanche di slowplayare una mano forte nel tentativo di farvi pagare adeguatamente.

7. Ricordate che è una battaglia tra mani senza coppie
Se in un tavolo full-ring potrete ricevere una coppia una volta ogni 17 mani, allora capite da soli perchè in heads-up la maggior parte delle volte si giocherà con carte spaiate. Ecco dunque perchè la posizione e l’aggressività sono fattori così importanti: spesso vincerà colui che riuscira a darla meglio a credere all’altro.

8. Le coppie sono sempre forti
Giacchè capiterà poche volte di ricevere dal dealer una pocket pair, ricordatevi allora di non esitare nell’azione quando la fortuna ve ne porterà una. Una coppia di 3 può sembrare debole nel middle stage di un qualsiasi torneo, ma in heads-up è invece una grande mano, così come lo è anche ogni combinazione di carte che comprenda un asso.

9. Non abbiate paura di rischiare
Un call ad un all-in è sempre difficile da fare, specialmente quando al tavolo ci sono solo due giocatori. Ma pur se si tratta di una mossa rischiosa, talvolta bisognerà necessariamente osare se davvero si vuole vincere la partita. Di solito dovrete decidere per una chiamata in base alle pot odds, quindi se queste sono corrette fate pure il vostro call. Sicuramente non andrà sempre bene, ma non c’è bisogno di rammaricarsi troppo, perchè in fondo il poker è anche questo.

10. Siate aggressivi
Quando giocate a Texas Hold’em mancherete il flop nel 70% dei casi, pertanto il giocatore più aggressivo avrà dalla sua parte quel vantaggio che il più delle volte lo renderà vincitore. Aggredite e non fatevi scappare nessuna opportunità di prendere un piatto, perchè una volta capito ciò, vi accorgerete che saranno più le volte che trionferete rispetto a quelle in cui finirete secondi.

Articolo   0 Commenti