pronostici qualificazioni mondiali 2010, scommesse qualificazioni mondiali 2010, spareggi zona europea, spareggi qualificazioni mondiali 2010, sudafrica 2010, world cup 2010, irlanda - francia, eire - france, domenech, henry, benzema, anelka, ribery, robbie keane, dunne, mcgeady, trapattoni, probabili formazioni irlanda - francia
CALCIO - Spareggi SUDAFRICA 2010 - Russia e Portogallo favorite, Ucraina - Grecia all'ultimo respiro...Precedente
CALCIO - LEMULTIPLE DEL GIORNO 14/11Prossimo
Breaking News
  • Calcio Extra: i pronostici del 1° GiugnoSCOMMESSA AGEVOLE: CSD Rangers - Universidad de Conception Under 2,5 (1.69) CILE Palestino - Colo Colo gol (1.50) CILE Sligo Rovers - Shamrock  Rovers No Gol (1.72) IRL FH Hafnarfjordur - Vikingur 1 (1.26) [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 1° GiugnoErnests Gulbis - Roger Federer 2 (1.40) Jo Wilfried Tsonga - Novak Djokovic 2 (1.10) Milos Raonic - Marcel Granollers 1 (1.20) Garbine Muguruza - Pauline Permentier 1 (1.20) Ajla Tomljanovic - Carla Suarez [...]
  • Tennis, Open di Francia: i pronostici del 30 MaggioDaniela Hantuchova - Angelique Kerber 2 (1.25) Spears/Peya - Melzer/Melzer 1 (1.55) Coin/Mahut - Hradecka/Fyrstenberg 2 (1.40) Shvedova/Soares - Dellacqua/Murray 1 (1.60) Lim/Chardy - Johansson/Mannarino 1 (1.50) Chan/Mirniy - Mledenovic/Nestor 2 (1.40) Medina Guarrigues/Marrero - Cornet/Eysseric [...]

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Sticky: CALCIO – Spareggi SUDAFRICA 2010 – L’Irlanda del Trap non teme la Francia di Domenech… anzi…

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo

Irlanda – Francia – il ns. pronostico 1x (1.47) – x (3.00) – Under (1.55)

A Dublino la Francia affronterà l’Irlanda nella gara d’andata degli spareggi per il Mondiale di Sufadrica 2010. Si tratta di una trasferta assai insidiosa per i vice campioni del mondo, anche perché il ct Domenech dovrà fare a meno di Frank Ribery, che non ha ancora smaltito il problema al ginocchio. Ma la stella del Bordeaux nonché ex rossonero Gourcuff non teme gli avversari ed è pronto a dare battaglia: “Nelle prossime due gare dovremo dare tutto – spiega il fantasista transalpino – Dovremo fare la nostra partita, giocando da squadra e impegnandoci al massimo. Anche se abbiamo molto rispetto per l’Irlanda, siamo consapevoli di essere una squadra forte; speriamo di dimostrarlo in campo e di portare a casa un risultato positivo”. Sulla panchina dell’Irlanda siede un coach di grande esperienza come Giovanni Trapattoni, che punta a regalare alla sua nazionale la quarta partecipazione ai Mondiali. Un obiettivo che non è poi così impossibile da raggiungere, come sottolinea un fiducioso Glenn Whelan: “Dobbiamo cercare di fare bene per poi giocarci tutto nella gara di ritorno. Così potremmo spegnere l’entusiasmo dei francesi, e far girare la situazione a nostro favore. Dobbiamo restare concentrati sabato e non compromettere così la gara di ritorno di mercoledì prossimo”. Intanto Domenech continua a faticare nel trovare estimatori sia in Francia che all’estero. Il CT transalpino, che si giocherà la panchina dei Bleus nella doppia sfida con l’Irlanda, rischia seriamente di diventare il punto debole di una Nazionale arrivata all’ultima spaggia. Almeno, questo è il parere di Dunne, capitano dell’Irlanda di Giovanni Trapattoni. “La guida di Domenech può essere il loro punto di debolezza o una cortina di fumo - le parole del difensore dell’Aston Villa alla vigilia di ogni torneo la Francia ha sempre una rosa ricca di campioni e poi arriva un uomo che scompiglia tutto. Sappiamo che se passiamo in vantaggio probabilmente non hanno un tecnico in grado di raddrizzare la situazione. La Francia ha giocato molto bene nelle ultime tre partite, ma se sapremo trasformare la partita in una battaglia, crediamo di avere una squadra con maggiore personalità. La Francia ha grandi nomi che giocano per grandi club come Real Madrid, Bordeaux e le principali squadre della Premier League. Ma non basta. Nel calcio c’è un solo pallone in campo, non cinque. (Pablo) Picasso era un grande artista, Diego Maradona era come lui, ma noi dobbiamo pensare a giocare come una squadra vera“. Sfida difficile per i vice campioni del mondo, che arriva a termine di due anni complicati, con tecnico e giocatori nel mezzo di vere e proprie bufere. Crisi di gioco e galletti più volte irriconoscibili. Inoltre Domenech dovrà fare a mano di Ribery, che non ha ancora smaltito il problema al ginocchio, e dunque si affiderà ai gol e alle giocate di Thierry Henry, Nicolas Anelka e Karim Benzema. “Questo, per noi, è il vero inizio della Coppa del Mondo e saranno due partite difficili. Abbiamo molto rispetto dell’Irlanda. Sappiamo della loro mentalità, la voglia di combattere, il loro gioco e saremo all’altezza” – ha spiegato Alou Diarra. Julien Escudè, invece, è convinto che una sfida così delicata sarà risolta dai dettagli: “Ce lo stiamo ripetendo, la differenza è fatta di piccole cose, sulla concentrazione, sui movimenti, sul desiderio. Per questa partita abbiamo bisogno di mettere tutto insieme, per essere al 100%. È una partita importante e abbiamo molta pressione addosso. Siamo tutti campioni abituati alla pressione, nei nostri club e nella nostra carriera. E qui si parla di qualcosa di diverso, si parla della nazionale francese e abbiamo bisogno di credere nelle nostre qualità“.

Sulla partite fonte – eurosport.it

Articolo   0 Commenti