Tennis: gli azzurri in fase calante a Wimbledon
Tennis: le scommesse del MartedìPrecedente
Mercato: scoppia il caso Hamsik, Juve all'attacco su AgueroProssimo
Breaking News

Azzeccare i pronostici è la nostra specialità

Tennis: gli azzurri in fase calante a Wimbledon

Articolo   0 Commenti
Line Spacing+- AGrandezza testo+- Stampa articolo
Tennis: gli azzurri in fase calante a Wimbledon

Il tennis azzurro ha perso tra venerdì e sabato i maggiori esponenti del torneo di Wimbledon, Bolelli, Vinci, Pennetta e Schiavone. Sconfitte che lasciano l’amaro in bocca a tutti i sostenitori del tennis su erba ma che giustamente sottolineano come l’Italia stia soffrendo la differenza con le altre nazioni.

Gasquet è stato colui il quale ha fatto fuori l’azzurro classe ’85, sconfitta che tuttavia era stata ampiamente pronosticata vista la differenza dei valori tecnici. Vi sarebbe voluta un’impresa anche per la Vinci opposta a una Kvitova in formissima; le speranze di vedere Flavia Pennetta avanti nel tabellone sono state spente dall’inaspettato doppio errore in servizio sul match point in favore dell’avversario. La Schiavone invece ha fallito contro la Paszek, nemico di certo alla portata della milanese che non si è mostrata per la guerriera del tennis in rosa quale è.

Il torneo di Wimbledon ha messo in luce uno sport nel quale gli azzurri alternano grandi prestazioni, come l’ultimo Roland Garros, ma anche picchi in discesa, come Wimbledon. In particolare il tennis maschile ci aveva illusi con il successo di Bolelli al secondo turno contro Wawrinka, per poi interrompere i sogni ed i propositi che consideravano l’atleta emiliano uno dei migliori 20 al mondo. Stessa realtà per la sfera femminile con la sola Schiavone a tenere alta la nostra bandiera tricolore come negli ultimi due Roland Garros giocati da vera protagonista.

 

Articolo   0 Commenti